Chi è solo ed unicamente negativo vede, con l’avvento della Legge Delega, l’avvicinarsi minaccioso di un collasso del comparto dei giochi, ma chi invece vede “il bicchiere mezzo pieno” può vedere in essa qualche innovazione ed un rinnovamento. Quindi, perchè con l’occasione di tanti cambiamenti non riabilitare il settore del puro intrattenimento in modo che non vengano effettuati tanti danni al mondo del gioco? Tante, tantissime persone si vogliono “solo” divertire, giocare, cimentarsi ed allora sarebbe proprio il momento di incentivare il comparto del puro e sano divertimento. Questo pensiero è ribadito a gran voce da Sapar che si è confrontata con una commissione di costruttori di apparecchiature da intrattenimento sul decreto legislativo che si occupa del riordino delle disposizioni in materia di giochi.

L’obbiettivo di Sapar e dei costruttori è quello di riabilitare il settore del puro intrattenimento che è quello che ha fatto conoscere il gioco a tanti sino a quando gli apparecchi con vincita in danaro non hanno preso il sopravvento facendo percepire il settore sotto una luce totalmente negativa, che ormai fa equiparare l’intero mondo del gioco all’azzardo ed all’illegalità. Naturalmente, i costruttori degli apparecchi comma 6A hanno poi evidenziato l’opportunità di apportare evoluzioni tecnologiche che possano “competere e combattere” con l’introduzione delle nuove “macchinette” denominate Mini Vlt: che il puro intrattenimento abbia lunga vita e che abbia ancora dinnanzi a sé tanti anni per accompagnare grandi e piccoli in ore liete e serene e che non venga coinvolto anch’esso del “collasso del mondo del gioco”…